Cookie Consent by PrivacyPolicies.com
In Trento Today.com
In Trento Today.com



Booking.com

Mostra Pietro Guccione e Achille Perilli. Ai confini dell'astrazione al Mart di Rovereto

La Mostra Pietro Guccione e Achille Perilli. Ai confini dell'astrazione e le arti figurative in Italia tra Ottocento e avanguardia in corso al Mart di Rovereto: gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e le opere, la sede espositiva.

Mostra Pietro Guccione e Achille Perilli. Ai confini dell'astrazione  Rovereto
Pietro Guccione e Achille Perilli. Ai confini dell'astrazione - Mart, Corso Bettini, 43 - Rovereto

Mostra in corso dal 21 ottobre 2021 al 9 gennaio 2022

Il Mart presenta un inedito confronto tra due artisti del secondo novecento rappresentanti di due modi opposti di fare pittura. Da un lato Piero Guccione, il pittore del mare, dall’altro Achille Perilli, promotore della più pura astrazione.

Comunicato stampa della Mostra Pietro Guccione e Achille Perilli. Ai confini dell'astrazione

Dopo il confronto tra i pittori Leonardo Cremonini e Karl Plattner, il Presidente del Mart sceglie un’altra coppia di artisti del secondo novecento meno noti al grande pubblico: Pietro Guccione e Achille Perilli.

Di loro e di cosa li accomuni Sgarbi scrive “Certamente, in diverso modo, la reazione al realismo, in particolare a quello che, nel Dopoguerra, aveva il volto di Renato Guttuso. Non che Perilli e Guccione non fossero pittori impegnati e non sentissero i temi del conflitto sociale ma, per entrambi, la questione centrale era quella del linguaggio. Ovvero della forma. […] E così, per diverse strade, si sono mossi verso l’astrazione, con esiti apparentemente opposti, tanto da apparire il primo un campione della figurazione, il secondo dell’astrattismo.” Viaggiando “su binari paralleli: l’uno immerso nella luce e nel colore, l’altro imprigionato nel disegno” entrambi perseguono “una idea di infinito”.

La mostra del Mart sottolinea quindi la complementarietà di due ricerche tanto radicali quanto poetiche che hanno caratterizzato la recente storia dell’arte.

Negli anni in cui Guggione e Perilli si formano, realismo e astrattismo si trovano al centro di un dibattito che assume le modalità di uno scontro tra fronti opposti, sospinto anche da importanti pressioni ideologiche e politiche.

Scomparso nel 2018, Piero Guccione è stato il pittore della luce e del mare. Legato alla sua terra d’origine – la Sicilia - e allo stesso tempo riconosciuto in tutt’Italia, Guccione visse nella Roma neorealista di Fausto Pirandello, Renato Guttuso, Carlo Levi.

Achille Perilli è invece stato uno dei membri di Forma 1, il movimento che nell’immediato dopoguerra professa il valore della pura forma in opposizione a ogni possibile interpretazione di natura simbolica, sentimentale o psicologica dello spazio della tela.

Pur seguendo traiettorie proprie, lo stile dei due artisti resterà intimamente legato a queste prime esperienze.

Nel 1979 Guccione decide di abbandonare ogni dibattito artistico e di tornare a vivere nella sua Sicilia: da quel momento il mare diventa “il movente del quadro”.

L’opera si staglia così al di sopra di ogni corrente artistica dell’epoca: astrazione, realismo, neorealismo, avanguardia. L’artista entra in relazione con un assoluto astorico a cui partecipano pittore, oggetto e spettatore.

La carriera di Perilli è invece tutt’ora legata all’astrazione. Nel corso degli anni il pittore abbondona l’interesse per la gestualità e la scrittura approdando a una astrazione secca articolata in cromatismi accesi e brillanti che forzano la pura bidimensionalità generando piani che si muovono in uno spazio privo di gravità.

La tesi della mostra è che entrambe queste personalità artistiche, apparentemente lontanissime, siano riconducibili alla più pura astrazione, al rigore formale, alla forma stessa della pittura.

Spiega Sgarbi che se l’astrattismo di Perilli è programmatico, un modo di interpretare lo spazio, di risalire alla prospettiva quattrocentesca, quello di Guccione è un percorso mistico, che procede verso l’essenza. “Così, sia per Guccione sia per Perilli, la pittura è uno strumento per illustrare l’infinito come attributo immanente della ragione, come possibilità indeterminata della mente di autogenerarsi autonomamente, a partire da leggi eterne sue proprie.

C’è un infinito sensoriale cui dà forma Guccione, e c’è un infinito della mente, concettuale, cui si applica Perilli. Averli fatti incontrare, e misurare qui, è un tributo alla loro vocazione assoluta, verso la fine del tempo”.

Orari: da martedi a domenica dalle 10.00 alle 18.00. Venerdì dalle 10.00 alle 21.00. Lunedi chiuso.
Biglietti: intero 11 €, ridotto 7 € per gruppi, giovani dai 15 ai 26 anni, over 65 anni, gruppi di visitatori di almeno 15 persone; soci o tesserati di enti convenzionati con il Museo; Amici dei musei convenzionati; possessori di Family Card. Famiglie 22 €.
Ingresso gratuito ogni prima domenica del mese (la biglietteria chiude mezz'ora prima della chiusura).
Info: tel. +39.0464.431813; 800 397760; fax +39.0461.239497
E-mail: info@mart.trento.it
Sito web: Mart

In Trento Today è aggiornato ogni giorno

© In Trento Today
Tutti i diritti riservati